Home » Lavoro freelance » Lo storytelling spiegato a mia suocera

Lo storytelling spiegato a mia suocera

Sabato sera, al mio rientro da Milano dal corso di cui parlavo qui, stanca, ma soddisfatta della giornata, trovo la truppa ad attendermi. Domande su domande, del tipo “Come è andata? Sei stanca? È stato interessante?” fino a un “Ma cos’è che sei andata a sentire?” buttato lì, bello bello, da mia suocera. “Ehm, un corso sul visual storytelling”, dico io.

Il vuoto.
Presente il vuoto dall’altra parte?
Be’, ha ragione, che ne sa lei di visual storytelling? Lei che ha preparato il risotto per la Nana, che ha pensato a rifocillare la prole, che mica frequenta quei posti lì sull’internét dove si parla di quelle cose lì che… com’è che si dice?

“Lo storytelling è l’arte di raccontare una storia. Al corso ne hanno trattato alcuni aspetti: come sfruttarlo all’interno dei social network (hai presente Facebook? Twitter? Ne parlano in televisione!) per raccontare un brand, un’attività o un progetto, concentrandosi, non tanto sulle parole, ma sull’utilizzo dell’immagine e del video.”

Sì, un po’ riduttivo, ma volevo cercare di arrivare al mio target senza utilizzare termini o giri di parole troppo tecnici.

Sicuramente questa giornata mi ha lasciato un carico di nozioni e di spunti che al momento ho la testa ancora in subbuglio. Le idee nascono, si scontrano e alimentano, spesso si spengono. Altre, piano piano, si fanno spazio e crescono, e allora devo appuntarmele che non voglio perdere nulla per strada.
Sicuramente l’esperienza è stata positiva: ascoltare le esperienze degli altri e condividere con loro le tue, anche facendone un mero confronto in termini di contenuti, è altamente costruttivo.
Ora vado a spiegarlo a mia suocera.

4 commenti sull'articolo “Lo storytelling spiegato a mia suocera

    1. È un po’ il nonsense di chi si occupa di comunicazione: spiegare agli altri di cosa ti occupi. Non dovrebbe essere difficile, ma in realtà moltissimi non sono preparati! Ho parlato di mia suocera: ma potrebbe essere mia mamma, mio marito, mia sorella…
      Grazie della comprensione :-)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.